La pelle è la totalità di una superficie di confine.
Essa sta tra noi e il mondo. E in questo senso, sia come materia che come simbolo, è espressione di quella “imprescindibile” separazione dal nostro ambiente e dal nostro prossimo, che è fondamento dell’essere.
La nozione di “io” inizia proprio dalla nostra pelle. Tessuto di confine tra l’individuale e il collettivo, essa invia messaggi sensoriali che ci permettono di delimitare il mondo interno da quello esterno. Noi siamo fin dove arriva il nostro tatto, ma siamo anche un “io” che tocca, che delimita e che, come tale, conosce. La costruzione del nostro mondo, nasce da questo continuo dare forme e limiti alle cose che ci circondano, nel continuum tra incorporare e distanziare l’alterità.
Se la distanza rappresenta un presupposto fondamentale dell’esistenza umana, solo la relativizzazione o il temporaneo superamento di questa stessa distanza rende possibile l’incontro tra gli uomini: solo allora nascono le relazioni sociali e la rappresentazione dell’identità diventa un essere identico-a-sé nella differenza dagli altri.

La pelle è il simbolo di questa distanza e del suo stesso superamento nel contatto.

L’integrità della pelle è minacciata dalla natura “esterna” e dalla violenza potenziale del prossimo. E diventa portatrice di ansie della natura “interna”, che è veicolo espressivo della psiche, dei suoi stati emotivi e delle sue ferite. In questo modo si può considerare la pelle come un organo interattivo che reagisce al mondo interno come a quello esterno.

Pelle come identità. Pelle come confine. Pelle come comunicazione. Pelle come relazione.

Nel 2017 la giuria internazionale dell’European Festival Association (EFA) assegna al Perugia Social Photo Fest, per il secondo biennio consecutivo, la EFFE LABEL 2017/2018 (Europe for Festivals, Festivals for Europe).

Motivazione: “Festival of interesting artistic and cultural values with a good international profile

EVENT

<iframe src="https://www.google.com/maps/d/u/0/embed?mid=1LRA3byUcaPQsr1IE6bLQXHthyV3pXwGI" width="1300" height="380"></iframe>
Inaugurazione 2018

OPENING | 09.03.2018

Palazzo della Penna, Salone di Apollo, ore 18

Presentazione del Festival, cerimonia di premiazione, aperture mostre

PSPF PORTFOLIO

LETTURE PORTFOLIO 10/11.03.2018

Palazzo della Penna, Salone di Apollo

Lettura Portfolio –  Cervo | Malavenda | Mirabelli | Raimondi

BELGIOJOSO

LAB | 16.03.2018

Officine Fratti

Libere associazioni. Workshop con Francesca Belgiojoso 

lab conf

LAB | 17.03.2018

Sangallo Palace Hotel

Experiencing photography | Spazio Lab

PERFORMANCE

EVENT | 23.03.2018

Sala dei Notari, ore 21

Dove gli dei si parlano | Performance con Monika Bulaj

PSPF LAB

LAB | 09/11.03.2018

Sala della Fondazione Sant’Anna

Master Class con Judy Weiser

PSPF OFF

OFF | 10.03.2018

Officine Fratti, ore 21

Inaugurazione – Uno sguardo femminile alla fotografia contemporanea

PSPF CONFERENZA

TALK | 17/18.03.2018

Sangallo Palace Hotel

Conferenza Experiencing photography #5 

LAB

LAB | 22/25.03.2018

Open Space For Arts

Laboratorio sul fotoreportage | Workshop con Monika Bulaj

BOOK

BOOK | 24.03.2018

Palazzo della Penna, Salone di Apollo, ore 11

Presentazione “Tutto per una ragione” e “Anatomia dei sentimenti”

EVENTI SPECIALI

SENSIBUS

SENSIBUS

Palazzo della Penna, Salone di Apollo.

4 incontri esperienziali tra fotografia e scrittura.

PSPF LAB

CAZZOTTO

Palazzo della Penna | Vari luoghi della città

Evento d’arte contemporanea